This is the first day of my life

Avete presente quando nella vita avete la sensazione di dover fare una cosa. Che non si hanno tante scelte, che quella cosa bisogna essere fatta. Non percepite razionali ragioni ma dovete provare, avete l’esigenza di provare.

Come se l’aria intorno a voi si gonfiasse e vi spingesse verso quella direzione, quando la vita posta una domanda vi indica tra le righe anche la risposta.

Bè a me non era mai capitato, non che io me ne ricordi di preciso, e pensandoci adesso probabilmente nemmeno ne ero così cosciente, ma avevo ripetuto a più persone che mi sentivo qualcosa dentro.

Io non sono mai stata una di quelle persone che nella vita voglio tutto, lo voglio subito e non si lasciano mai scappare l’occasione di godersela; ho sempre fatto quello che mi andava ma con moderata attenzione, senza troppi drammi, sempre con allegra tenacia.. Non sono mai stata con l’ansia di vivere la vita… ma ne ho sempre cavalcato l’onda.

Mai decisioni troppo folli, anche se visto dagli occhi dei miei amici potrebbe sembrare a loro il contrario, ma nella vita io non sono mai stata una a cui piacere correre grandi rischi, ho sempre difeso il mio piccolo castello di felicità. Con costanza, dedizione e sopratutto piccole gioie e mai alla ricerca di grandi eventi. Sono sempre così che i grandi eventi sono arrivati da me, senza mai cercarli.. e sopratutto considerandoli io grandi.

Che io partissi per una settimana a Londra con un sconosciuto non ha colpito nessuno però, “Solo tu potevi fare una cosa del genere” anche se io non la sentivo una cosa da me… sentivo solo che era una cosa che non dovevo perdere. Che non potevo lasciare andare, e questo si che era da me: io le cose non le lascio mai andare via trascinate dalla corrente.                    O almeno ci provo sempre, anche se la corrente a volte è forte. A volte è giusto anche lo sia, forte.

Quindi eccomi lì, a Londra. Il punto dove puntava il mio destino, dove dal primo sguardo, il primo bacio, mi aveva dato la certezza che non c’era posto più giusto, che non c’era altro luogo se non lì.

La settimana più pazza, fantastica, sensuale, divertente, sorridente della mia vita. Non ci sono parole per descriverla, veramente mi dispiace deludervi un po’ ma così è.

Londra in pratica l’ho vista a malapena, i miei occhi erano pieni di Kyle che non c’era tanto spazio per il resto, e la mia memoria era così assorta nel tentare di carpire il più possibile di quest’uomo fantastico che non conoscevo ma al quale mi adattavo perfettamente, come pezzi di un puzzle. Incastrati finalmente.

Poi contando che dovunque eravamo era un continuo baciarsi. Un fiume di baci, mai baciato così tanto. Era come se dovessimo recuperare quei due mesi di distanza, colmare il digitale con il reale.

Gioa e tristezza hanno colorato quella settimana, si anche tristezza, a volte ci guardavamo negli occhi coscienti che probabilmente tutto questo non sarebbe durato, che una storia tra un Americano (per giunta in viaggio per l’Europa) ed un’Italiana non poteva funzionare, ma quei momenti duravano pochi attimi.

Un giorno in uno di quei momenti decidemmo di fare una lista dei pro e dei contro… i pro erano così pochi  che decidemmo di lasciarla subito perdere e di darci del tempo per pensarci.

Fu così che il penultimo giorno di quella fantastica settimana esattamente il 25 gennaio 2010 Kyle uscendo dal bagno mi dice: “I think we have to try”. E quel dobbiamo (have) è strettamente collegato a quella sensazione che vi dicevo all’inzio, era così lontano dal vogliamo ma era un dobbiamo. Perchè nessuno dei due era certo di volerlo, ma lo sentivamo. Bisognava tentare, la magia di una settimana ce lo diceva, le scintille che si creavano intorno a noi lo provavano, la gente che ci sorrideva vedendoci così presi l’uno dall’altro ne erano la prova. Il destino, Dio, la vita (come la volete chiamare) ci aveva indicato quella strada… e noi entrambi allo stesso modo, abbiamo sentito il dovere e la necessità di seguirla

Così siamo usciti dall’albergo in cui eravamo mano nella mano, come tutti i giorni, ma per la prima volta realmente felici. “Mia ragazza” riesce a dirmi ed è stato il più bel giorno della mia vita.

Abbiamo scelto come nostro motto dopo quella settimana “ne vale la pena” in Italiano 🙂

P.S scusate se della settimana vera e propria non vi ho raccontato nulla, magari ci torno con qualche aneddoto prima o poi.

MA in compenso qui ci sono delle foto direttamente dal mio profilo Facebook. Vi consiglio questa canzone, che mi ha suonato Kyle uno dei meraviglio giorni di Londra, per accompagnare le foto. (E poi appena finito guardatevi il video che è fantastico).

…ed il mio cuore insieme all’aeroplano sobbalza…

Ero sull’areo.  Spaventata, per una serie di ragioni. Ero sola, ad incontrare a Londra il ragazzo che per due lunghi mesi non aveva mai lasciato la mia mente, e neanche la mia posta elettronica, due mesi di email, qualche video, e una imbarazzatissima video chiamata.

Io per natale gli avevo spedito addirittura un libro, a sopresa, trovando su Facebook il nome della sorella, mi sono fatta dare il suo indirizzo in America (veramente stavo fuori di testa).

Ed ero lì su quell’eareo, ad aspettarmi l’ignoto. Londra una città che non conoscevo, Kyle un ragazzo che non conoscevo.  I pensieri turbinavano, poteva succedere di tutto… e ero proprio indecisa sul cosa sperare per quella settimana, ma su quello in cui sognare ero certa: due mesi a fantasticare sono tanti, troppi; ero certa che la fantasia avrebbe superato di gran lunga la realtà.

Sapevo che avremmo trascorso 3 notti ospiti couchsurfing.com e 3 notti in albergo. Il piano originale era passare tutte e 6 le notti ospiti di qualcuno… ma poi lui mi ha chiesto che non voleva dividirmi con altra gente più di tanto.. e come potevo dirgli di no? non ne avevo assolutamente l’intezione.

E ecco in attimo, l’aero atterra… ed il mio cuore insieme all’aeroplano sobbalza… stavo arrivando il 20 gennaio tanto atteso, era lì. Aiuto! Scendo le scale, aspetto per la mia valigia, passo il controllo documenti… e seguo la marea di gente.

Cammino, oltrepasso una grande porta e oltre… vedo un saltellante ragazzo biondo, che spuntava su tutta la gente, con un sorriso più grande che tu possa immaginare, mi corre incontro… e ci guardiamo imbarazzati, ci abbracciamo e ci baciamo tutto in un secondo… che entrambi non ci abbiamo capito nulla… ma nulla.

Ci guardiamo e sorridiamo… non sappiamo cosa dirci e il mio inglese non aiuta.

Ci gurdiamo ancora e ci baciamo, questa volta più lentamente… e sorridiamo ancora.

Inizia la settimana che cambierà la mia vita… e ve lo scrivo con le lacrime agli occhi! 🙂

 

 

 

..sai che sei stupida e sai che non puoi farci niente…

Siamo a dicembre oramai (nella mia storia dico) e ancora ogni giorno email e ogni tanto qualche foto (per esempio del mio nuovo taglio di capelli, dei posti che stava a visitando in irlanda… e qualche altro video/canzone come “LUA” dove lui era un pò malinconico  un pò malinconica… dove tutti e due sentivamo la mancanza dell’altro.. anche se ci eravamo visti per un giorno solo STRANO!

In realtà tutto era un pò strano, Londra sembrava un miraggio anche se mancava solo un mese, e questa storia appesa per email mi appassionava sempre di più, che addirittura mi sembrava di stare frequentandolo, di essere impegnata già con qualcuno tanto da non voler uscire con altri ragazzi… mi un pò ossessionava, pensavo tanto a lui.

Entrambi eravamo presi l’uno da l’altro e essere presi con una persona che hai visto solo una volta e da allora sono email (in un inglese che fa ridere) non solo è difficile ma è anche stupido. Però lo si sà, quando il cuore batte ci si può far poco per riportarlo alla razionalità e se decidere di battere per uno sconosciuto che hai visto solo una volta, che è americano e sta viaggiano per l’europa.. bè sai che sei stupida e sai che non puoi farci niente!

Ed per la metà del mese di dicembre avevo anche convinto mia madre a farmi andare a Londra… dicendogli la verità, puntando sui miei punti forti, l’avevo abbastanza incartata ed era abbastanza sicura che non poteva dirmi di no… e un pò disperata mi ha detto di si, anche se ogni giorno c’ha provato a cambiare idea…

Ma io ero convinta, dove andare, dovevo incontrarlo… c’era quella sensazione dentro, quel brivido che avevo sento, quel sesto senso che ti esce quando meno te lo aspetti che mi diceva vai… ed ora che avevo convinto i miei, cosa mi avrebbe più fermato??

 

P.S Scusate veramente per l’attesa!

“questo ti si porta via…”

Ogni giorno arrivava puntuale una sua email.. e ogni giorno, ovviamente, la mia risposta! Ci siamo cominciati a conoscere così… domande, risposte, piccole e grandi cose della vita, foto dei momenti passati… piano piano, lentamente, un conoscersi strano ma che era allo stesso tempo avvincente.

Si sa che le lettere non si usano più… e un’email non è proprio una lettera… ma lo scriversi tutti i giorni, secondo me è molto romantico.

Ci raccontavamo a vicenda giorno dopo giorno, non si sa quante volte ci siamo detti “siamo proprio stupidi”…poi lui mi mandava un pò di foto dall’Irlanda, io le mie foto della mia vita quotidiana 🙂

E ci si è inventato un pò di tutto per conoscersi meglio, anche cose totalmente idiote tipo questa:

Sembravamo due “amici di penna” un pò più tecnologizzati e con un bel traguardo alla fine: Londra!  Ci pensavo costantemente  a quella settimana che prima o poi sarebbe arrivata, pensavo a come dirlo ai miei genitori (inventare una grande balla era fuori discussione), pensavo se alla fine ci sarei davvero andata, come sarebbe stato, pensavo al poi e se era possibile un poi… giorno per giorno costruivo incredibili castelli di carta, si di carta… ma pur sempre castelli 🙂

In quei giorni, comincio a parlare ai mie genitori del fatto di voler andare a Londra 🙂 con qualche amico/a vado sul vago all’inizio… e inizio a raccontargli anche di questo nuovo “amico”, Americano, conosciuto a Roma…. faccio vedere a mamma le foto ed i video… insomma mi comincio a lavorare il terreno… fortunatamente a me in tattiche di questo genere non mi batte nessuno 🙂 li avrei convinti! Anche se la prima cosa che mamma ha detto è stata “Non ci risponde più alle email a questo che ti si porta via…” 🙂 … “..oh però è bello!!”

 

“il tuo video mi ha quasi ucciso..”

“E oh mio dio,il tuo video  mi ha quasi ucciso. YouTube dice che l’ho visto solo una volta, ma penso di stare alla decima ormai. Sei adorabile!”

Questa è la risposta al video che avete visto qui sotto, aggiungendomi che era entusiasta del fatto che avevo preso i biglietti.  Poco dopo mi scrive un’altra email dicendomi che aveva preso i biglietti anche lui.

Wow. Ci saremmo incontrati a London Stansted. Stesso aeroporto, STESSA ORA! e lo sapevamo con due mesi di anticipo, appena una settimana dopo che ci eravamo incontrati.

Ci scambiamo qualche email, dicendoci di non preoccuparci, due mesi erano tanti e tutti e due potevamo cambiare idea se lo volevamo… io ero abbastanza decisa a non cambiarla, ma nella vita nessuno può sapere nulla.

Poi lui era in Irlanda, nel frattempo sarebbe tornato in America e ritornato ancora in Europa, poteva succedere di tutto in due mesi, due continenti diversi e un oceano di mezzo.

Ma tra tutte questi pensieri e preoccupazioni ecco che arriva una nuova email, ero in cucina con il mio portatile, le cuffie nelle orecchie… faccio iniziare il video e mi si blocca qualcosa nello stomaco, divento tutta rossa, lo devo stoppare prendere fiato e ancora play: eccolo!

E dopo ho capito cosa (forse) intedeva lui per “il tuo video mi ha quasi ucciso”.

“.. emozionata e spaventata ..”

Questo video, umiliante per me ma che inspiegabilmente è piaciuto tantissimo a lui era allegato ad una email che faceva più o meno così soltanto una settimana dopo il nostro incontro (settimana in cui abbiamo continuato a scambiarci email):

“In questi giorni ho parlato con alcuni dei miei amici.
Chi mi dice di andare a Londra, perché sarà bello, emozionante, divertente ed avventuroso.
Chi mi dice che sto facendo un cazzata, perché io non ti conosco,perché mi faccio solo del male a legarmi ad una persona che vive dall’altra parte del globo …

Ma io penso che la vita deve essere vissuta, e che le opportunità non devono andare perdute.
Poi, come hai scritto sul tuo profilo CS “Chi non ha mai commesso un errore non ha mai provato nulla di nuovo.”

Allora ho preso questi maledetti biglietti aerei.
Dal 20-26 GENNAIO saremo insieme a Londra! E di tutti i pensieri .. chi se ne frega?!
Sono molto emozionata e spaventata allo stesso tempo … per una miriade di ragioni diverse.

Penso che dobbiamo soltanto tenerci in contatto in questo periodo (come già facciamo), perché altrimenti sarà davvero strano … e come ho detto qualche tempo fa se uno di noi cambia idea  basta solo dirlo prima del 20 gennaio 🙂 non sarà un gran problema”

 

Insomma il tutto stava nel dire ai miei genitori che sarei andata a Londra per UNA-SETTIMANA con uno che avevo visto una SOLA volta! Due mesi di tempo per trovare l’occasione giusta e far digerire il colpo sarebbero stati sufficienti?? e sopratutto ma quanto sono lunghi due mesi?? Nella mia testa non potete immaginare il caos!

 

 

“…non lasciamo che sia una speranza…”

Dal 17-11-2010

La sua risposta:

“Miss Leffe! Voglio dire, futura signora B.(il suo cognome) 😛

Ho passato davvero una bella giornata con te. Continuavo a raccontare a Ken (un suo amico couchfurfing) tutto sul nostro giorno … Sono stato tutto di quella shiz, brah 😛 (sinceramente questo è il massimo della traduzione di questa frase).

E anche io spero di rivederti. Infatti, non lasciamo che sia una speranza. Mettiamoci d’accordo(O_O).

O quando tornerò in Italia oppure se tu vieni in viaggio da qualche altra parte dove sono io… come Londra nel mese di gennaio, per esempio (per esempio??). io posso trovare un posto gratis per dormire e tu puoi  prendere un volo economico Ryanair a 10 euro! Anche se so che sei una ragazza impegnata, quindi potrebbe essere l’Italia di nuovo.

Naturalmente, per quando tornerò a Roma in due tre mesi, sarà passato abbastanza tempo per rendere le cose  un po imbarazzanti. Ma sarà fico e divertente, proprio come tutto il resto oggi.

Va bene, vado a letto. Grazie per il video di YouTube, io ancora non conosco la canzone ma mi piace (gli avevo allegato nella prima email il video della canzone del sole). Mi piacerà ancora di più quando mi invierai un video di te che la canti . E poi manderò uno mio di risposta. Non dimenticartelo!

P.S ci vediamo a breve all’altare!

Kyle”

Insomma mi ha proposto di incontrarci a Londra a Gennaio!  E questa email è del 17 novembre, la data del nostro appuntamento a Roma.

Voci precedenti più vecchie